Sì. Il datore di lavoro deve adottare per Legge le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale del dipendente e deve quindi intervenire a mia tutela per prevenire ed evitare situazioni o comportamenti che possano danneggiarmi (si pensi ad es. al danno biologico sofferto dal dipendente a seguito di esposizione lavorativa al rischio di inalazione di fibre di amianto, fumo, polveri, idrocarburi policiclici armatici, rumori, vibrazioni o ad altri agenti lesivi, al danno sofferto da mobbing, etc.)