Sì, è un termine di prescrizione di tre anni stabilito dalla Legge e che decorre dal momento in cui la malattia mi è stata diagnosticata, ha superato la soglia indennizzabile del 6% e mi era nota o comunque era oggettivamente conoscibile la sua origine professionale.